La Stella di Piano35

Dal primo giorno ce l’abbiamo messa tutta, e sapevamo da voi - cari amici - che eravamo sulla strada giusta. Ma la Stella è la Stella. È una consacrazione, è fiducia, è gioia.

A poco più di un anno dal debutto della nostra gestione, la Stella che la guida Michelin ha accordato alla nostra idea di Piano35 ci riempie di orgoglio.

E’ stato un anno difficile e i prossimi mesi non saranno da meno, ma ripartire con una Stella in più è davvero bello.

Adesso concedetemi di elogiare tutta la squadra. Tutta tutta. 

Certo, parto da Christian Balzo, chef resident a Piano35: merita il primo applauso perché ha saputo interpretare al meglio la filosofia di cucina che avevo in mente per il ristorante torinese del grattacielo di Intesa Sanpaolo.

Poi Denis Zanghirella e Mihai Costea, che hanno diretto la sala proprio come mia moglie Lella aveva immaginato. Quindi Simone, nostro figlio, che ha modellato il lounge bar del 37° piano non solo come un locale serale alla moda, ma anche come un completamento del ristorante che oggi viene premiato. Proseguo con Cristina Megliola e Cecilia Malfa, che insieme a mia figlia Jessica hanno dato una forma vincente al settore degli eventi che ha nel “piano di mezzo”, il 36°, la sua collocazione ideale. Poi tutte le donne e gli uomini che ogni giorno, lassù nel cielo di Torino, lavorano sodo rendendo questa squadra una famiglia. 

Un pensiero a parte per altre due colonne del mio mondo: Silvestro Zanella e Monica Colla. Hanno ruoli strategici e fondamentali, ma sono meno esposti alla ribalta. Lavorano tanto, si vedono poco: Monica e Silvestro, in questa nuova Stella c’è tanto di voi, grazie!

Sono felice, l’avete capito? 

Ora dovrei proporvi di venire a trovarci, ma non sappiamo ancora quando si ripartirà. Vi faccio una promessa: appena le autorità diranno che si può, noi ci saremo. Subito, neanche un minuto dopo, sempre con grande rispetto delle norme igienico-sanitarie. 

Ci saremo a Piano35 a Torino con la nuova Stella e ci saremo al Piccolo Lago tra Verbania e Mergozzo con le due preziosissime Stelle Michelin che ci accompagnano da 14 anni.

 

Marco Sacco

unnamed (1)

Lascia un commento





X
X