Assemblea dei Soci Hospes: cooperare affinché i sogni diventino realtà! E-mail

Hospes NewsSabato 26 novembre, nella ricorrenza del 62° anniversario della fondazione, si è tenuta la tradizionale Assemblea ordinaria dei Soci Hospes. Scenografia dell’evento l’esclusiva location del Grand Hotel des Iles Borromées.

Ad animare l’incontro numerosi ospiti: numerosi Soci senior e junior, il Dirigente Scolastico dell’Istituto di Istruzione Superiore “E. Maggia”, Prof.ssa Manuela Miglio, ed importanti autorità nelle persone di Aldo Reschigna, Vice Presidente della Regione Piemonte, Giuseppe Bottini, Sindaco della Città di Stresa, Gianmaria Vincenzi, Presidente di Federalberghi VCO, nonché Socio Hospes e Oreste Pastore, Consigliere delegato del Distretto Turistico dei Laghi.

Prima di dichiarare aperta la seduta, il Presidente Alberto Gozzi ricorda i Padri fondatori, il Cavaliere del lavoro Guido Maggia e il Prof. Albano Mainardi il quale sosteneva con forza la necessità di ricordare ai nuovi e ai vecchi Soci l'origine e lo sviluppo dell'Hospes affinché, conoscendone maggiormente gli scopi e le caratteristiche, ne possiamo comprendere le manifestazioni e rimanere ad essa legati con crescente interesse". Suggella il momento la declamazione del “Codice d’onore” da parte degli allievi della “Scuola di Stresa”, i dieci “rac-comandamenti” dell’esimio Direttore Mainardi.

Si procede dunque alla condivisione collegiale della relazione del Consiglio di Amministrazione, del rendiconto patrimoniale e di amministrazione al 30 giugno 2016, della relazione del Collegio Sindacale e infine del bilancio preventivo per l’esercizio finanziario 2016-2017.

Uno dei momenti più importanti dell’incontro è dedicato al “Comitato per lo sviluppo della Scuola di Stresa”. Una famosa citazione di Archimede recita “transire suum pectus mundoque potiri”, elevarsi al di sopra di se stessi e conquistare il mondo, è questo l’obiettivo che persegue l’Associazione Hospes, la quale ogni anno si adopera con energia sempre maggiore per sostenere l’Istituto “Erminio Maggia”.

A questo proposito viene istituzionalizzato il “Comitato”, appendice del progetto il cui titolo altisonante annuncia nobili obiettivi, “Comitato dei Saggi”. Il Comitato scenderà in campo per giocare una nuova partita per e con una “Scuola” che non ha mai perso la voglia di competere. Sarà dunque una commissione di teorici e pratici del settore a fornire gli input in merito ad attività ed iniziative che saranno per tutti gli allievi opportunità di crescita personale e professionale.

Franco Cerini, Franco Filippini, Emerico Fino, Ermanno Gafforini, Gian Palo Miani, Paolo Moizo, Oreste Primatesta: dai nomi appare evidente lo sforzo di rappresentare tutti gli orientamenti e le anime del settore turistico-alberghiero-ristorativo. La fattività dell’impresa è testimoniata dagli interventi di quattro illustri ospiti: 

  • - il Prof. Paolo Moizo,  ex allievo del Gruppo B3 1963-1966 della “Scuola”, il quale si dichiara entusiasticamente disponibile ad aprire agli studenti il bagaglio esperienziale di docente attivo per oltre trent’anni nell’istruzione alberghiera;

  • - Franco Cerini
    , stimato albergatore che possiede e gestisce insieme alla famiglia l’Hotel Olivi Thermae & Natural Spa e l’Hotel Eden a Sirmione, il Park Hotel e l’Hotel Nazionale a Desenzano del Garda, oltre a due residence, a il Residence Il Sogno, a Sirmione il Castello Belvedere, sempre a Desenzano. Franco Cerini è anche il Presidente del Consorzio Lago di Garda Lombardia, l´ente di promozione turistica che riunisce tutti della riviera bresciana. Cerini racconta di un sogno, vivere fra i centenari ulivi vicino alla casa di Catullo, nella meravigliosa Sirmione, di una precoce vocazione affidata alle materne mura della Scuola di Stresa e alla paterna anima del Preside Albano Mainardi e di una brillante carriera. Come scrive Renato Andreoletti in un bellissimo articolo pubblicato su Hotel Domani, i Cerini “la vita l’hanno sempre conosciuta come fatica, sudore, ingiustizia eppure non si sono mai arresi, sono ancora qui pronti a consegnare il proprio testimone alle prossime generazioni”, non a caso si rendono disponibili ad accogliere nelle proprie aziende allievi dell’Istituto per periodi di esperienza professionale;

  • - Wilhelm Kuhn
    proveniente da Ravensburg (Germania), titolare Destiplan Agenzia di sviluppo destinazioni, condivide con gli intervenuti di essere stato così attratto dalle bellezze dell’Alto Piemonte da decidere di promuoverle per farle conoscere agli operatori turistici e ai viaggiatori tedeschi, danesi, baltici e scandinavi. A questo proposito, espone sinteticamente il progetto “Destinazione Alto Piemonte”, attraverso il quale si mira a riqualificare e riorganizzazione l'offerta turistica a dimensione integrata dell’Alto Piemonte, a dar vita a una nuova forma  organizzativa, Alto Piemonte Turismo, che integri le esperienze già presenti, i diversi operatori del settore, gli Enti, le Associazioni e vari Organismi di riferimento territoriale che vogliano innovare e rendere competitiva la dimensione turistica dell’Alto Piemonte, e registrare a livello europeo del Marchio d'Area Alto Piemonte, quale strumento principe della nuova immagine distintiva qualificante dell'offerta turistica locale sul mercato globale. È doveroso trasmettere esperienze di questo genere agli studenti che mirano a diventare esperti nel settore turistico per far capire loro quali competenze occorrano per rendere operativi i concetti teorici di valorizzazione e promozione di un territorio, dal patrimonio ambientale ed artistico a quello enogastronomico;

  • - ultimo, ma non ultimo, Alessandro Bonfiglio, anch’egli allievo di ieri della “Scuola di Stresa”, ed ora Quality Manager di LSG Sky Chefs S.p.A., gruppo leader a livello mondiale nel settore dei servizi di catering per le compagnie aeree e nella gestione dei servizi di bordo, ha annunciato che vi sono trattative per siglare
    un accordo di programma con l’Hospes che vada a beneficio degli allievi dell’Istituto.

Alte mete dunque quelle a cui mira la Famiglia dell’Hospes. Alte mete che sono prima di tutto sentimento da tramandare di generazione in generazione. Alte mete che si concretizzano in progetti ed iniziative finalizzati alla crescita culturale e professionale degli allievi. “Alte mete” che implicano tempo ed energie che l’Hospes e i Docenti impiegano anche nell’indirizzare, seguire e supportare gli allievi diplomati entrati nel mondo del lavoro. E quando si lavora con passione i riconoscimenti arrivano: lo annuncia, con legittimo entusiasmo la Prof.ssa Manuela Miglio Dirigente Scolastico dell’Istituto (Socio Hospes), citando  il progetto “Eduscopio Lavoro”, elaborato della Fondazione “G. Agnelli”, ha riconosciuto al nostro Istituto l’alto merito di aver fornito agli studenti competenze adeguate ed immediatamente spendibili in termini lavorativi, curando proprio la delicata fase di avvicinamento ed ingresso nel mondo del lavoro.

Un soddisfacente avvenire operativo, sosteneva il Prof. Mainardi, non può però prescindere dalla ricchezza culturale che non deve essere mai trascurata, anzi va sempre coltivata nella consapevolezza che proprio i suoi frutti contribuiranno a fare di noi delle eccellenze. È anche questo lo spirito della premiazione degli allievi Soci Hospes Junior che si sono distinti per merito durante l’Esame di Stato 2016. L’orologio firmato Alessi, la cui scelta non è casuale, bensì per riprendere il motto dell’Associazione “Non perder l’ora”, viene consegnato a: Virginia Fè e Alessia Pingitore del corso Tecnico Turistico, a Claudia Gorla del corso Accoglienza Turistica, Luca Delfini del Corso Enogastronomico e a Chiara Mirani del Corso Sala e Vendita.

In tema di premiazioni, si informano gli ospiti che l’Associazione Nazionale di Giornalismo Scolastico “Alboscuole” ha promosso il Premio Nazionale “Giornalista per un giorno”. L’e-book Hospes, avendo centrato pienamente lo scopo principale dell’iniziativa, quello cioè di sostenere e valorizzare l’attività giornalistica quale strumento per la formazione e la crescita comunicativa dei giovani, è stato insignito del Premio Nazionale che verrà ritirato a Chianciano Terme nella prossima primavera. La parola alla Prof.ssa Francesca Morleo (Socio Hospes) Docente dell’Istituto e parte attivissima della redazione: Porta i saluti del Direttore Responsabile Renato Andreoletti, impegnato all’estero per motivi professionali, la quale oltre a presentare gli allievi componenti la nuova redazione anticipa quello che sarà il tema del n. 4 della rivista, un viaggio enogastronomico attraverso tradizioni culinarie e nomi noti del panorama enogastronomico italiano.

Un successo che parla di lavoro, ma soprattutto di sinergie e di entusiasmo.

L’incontro si chiude con il “cocktail dell’Amicizia”, poi ognuno prende strade diverse, con lo sguardo però rivolto verso un’unica direzione. La stessa per tutti
 
  Assemblea Soci Hospes 2016 
 
 
 
 
< Prec.   Pros. >
Associazione Hospes - Viale Prof. Albano Mainardi, 3 - 28838 Stresa (VB)
Tel. 366 7219457 - Cod.Fisc. 00461920035 - Privacy Policy